Ambiente che cura

La progettazione e la configurazione degli spazi, l’arredo, la luce e i colori sono un elemento tanto importante quanto sottovalutato nella cura della persona.

Gentlecare è l’unico tra i metodi di intervento per la demenza, ad aver elaborato un reale approfondimento sull’ambiente e dei benefici che ne possono derivare.

Ha evidenziato l’importanza dei colori e, in demenza, la pericolosità interpretativa di pavimenti con marcati cambi di colore, riflessi, tinte impastate con le pareti oppure la specificità di scelte sui materiali come, a solo titolo d’esempio, i pavimenti tipo granito che non sono opportuni nell’Alzheimer perché i pazienti saranno stimolati a cercare di raccogliere i singoli sassolini evidenziati dalla grana.

Non si deve quindi confondere il bello, con l’ambiente protesico cioè il luogo che per colori, materiali, arredi, percorsi non è semplicemente bello e/o funzionale ma è aiuto (protesi) all’anziano per la riconoscibilità dei luoghi, delle funzioni e dei percorsi.

L’ambiente che stimola serenità, stempera lo stress e le paure, aiuta a ritrovarsi e a ritrovare l’ambito che il nostro cervello mantiene come “famigliare”. Il luogo adatto a consentire al personale il massimo dell’operatività e della produttività. Quello protesico è un ambiente adeguato a rispondere alle esigenze non solo degli affetti da demenze ma di tutti gli anziani e a rispondere in maniera più adeguata al tema delle disabilità in genere.

L’ambiente protesico Gentlecare applicato quindi al taglio degli spazi dei centri residenziali e semiresidenziali, per l’individuazione dei corretti rapporti spaziali e visivi, metro di individuazione dei materiali e dei colori, stimolo per l’individuazione della corretta illuminazione naturale e artificiale, sprone per la creazione di nuove forme di arredo maggiormente rispondenti ai bisogni del singolo anziano e quindi anche dei nostri bisogni.

Nel corso del tempo, l’applicazione di Gentlecare nei diversi contesti, quali residenze per anziani e nuclei specializzati, centri diurni e assistenza domiciliare, ha permesso di trasformare una filosofia in un metodo di intervento oggettivabile secondo specifici indicatori e dotato di Linee guida di applicazione, realizzabile nei diversi contesti e con modalità diversificate a secondo delle risorse, certificabile secondo le norme UNI ISO.