CENTRO POLIFUNZIONALE TÉMENOS


LA CARTA DEI SERVIZI

CENTRO DIURNO PER ANZIANI

Loc. Spinete S.S. 85 Venafrana, km 32.100 – 86075 – Monteroduni (IS)

Tel. 0865/1946250 – Cell. 340/6556608

Sito internet: www.centropolifunzionaletemenos.it

e-mail: info@centropolifunzionaletemenos.it


PRESENTAZIONE
Gentile cliente, il documento che sta per leggere è la “Carta dei Servizi” del nostro Centro Polifunzionale Témenos.
Il “Témenos” era per gli antichi greci l’appezzamento del terreno sul quale costruire templi dedicati al culto degli Dei, un luogo che delimitava il “sacro” e la dimensione umana.
La parola “Témenos” è stata scelta per il Centro Polifunzionale al fine di designare un luogo di cura specialistico ed integrato, ove sia possibile incontrare l’essere umano nella sua interezza orientando la presa in carico non verso la prevenzione della malattia o del disagio né verso la cura della patologia, ma verso la promozione del benessere.
Il Centro ha una articolazione funzionale ed organizzativa in forma modulare, con un’area disabili ed un’area anziani.
La presente Carta dei Servizi è un documento, rivolto ai cittadini che intendano fruire della forma modulare - Centro Diurno per Anziani -, per un orientamento efficace all’utilizzo delle prestazioni erogate in regime diurno, con le informazioni relative all’organizzazione, alle procedure di ammissione e dimissione, alle attività svolte e ogni indicazione utile sui diritti degli ospiti e delle loro famiglie.
La Mission del Centro Diurno Anziani è di offrire un modello di assistenza volto a prendersi cura della persona Anziana e sollevare i famigliari e/o il care-giver dal peso assistenziale, con approcci psico – educativi e di adattamento ambientale e relazionale degli ospiti.
Questa Carta vuole essere uno strumento finalizzato a dare la massima trasparenza ai principi che ispirano l’organizzazione complessiva del Centro Témenos, ai servizi erogati, agli standard qualitativi che caratterizzano l’attività degli operatori e agli impegni di miglioramento che assumiamo rispetto alle esigenze dell’utenza.
Il Centro Témenos, attraverso l’articolazione modulare diurna, nasce dall’esigenza di realizzare un sistema integrato di servizi ed interventi sociali. A tal fine, in considerazione della dinamicità, variabilità e complessità delle problematiche di salute della popolazione anziana, consente di intervenire in situazioni a rischio di emarginazione o comunque in condizioni di non autosufficienza parziale, derivante da limitazioni funzionali e/o cognitive, con necessità di tipo socio-assistenziale.
La migliore aspettativa di vita e la costante crescita delle patologie croniche, della fragilità e della non autosufficienza, soprattutto nelle fasce di età più avanzata, impongono interventi di razionalizzazione dell’uso di risorse all’interno del sistema di erogazione, nella consapevolezza che la “transizione epidemiologica” ha favorito il passaggio dal concetto di malattia (disease), intesa come alterazione anatomo-patologica di un organo o apparato, a quello di malessere (illness), evento organico coinvolgente l’intera persona, con la conseguente necessità che l’attenzione va spostata dalla patologia “sensu strictu” ai bisogni complessivi di salute della persona, nella consapevolezza che soltanto un modello person-focused può portare un reale vantaggio nella qualità della cura delle malattie, in particolare di quelle croniche, soprattutto se affliggono persone fragili ed economicamente svantaggiate.
Lo scopo del Centro è quello di dare una risposta concreta ai bisogni di una società sempre più complessa, nella quale non sempre le strutture pubbliche riescono a soddisfare le più svariate richieste di assistenza qualificata, in ragione anche del cambiamento della struttura per età della popolazione, che si caratterizza con sempre maggiore incidenza per il crescente aumento della popolazione anziana e del numero delle patologie cronico degenerative, che richiedono modelli/regimi assistenziali a mediolungo termine.
I servizi sono rivolti a cittadini, che per qualsiasi motivo si trovano in condizioni di bisogno temporaneo o permanente i quali necessitano di prestazioni socio-assistenziali e di un sostegno integrativo, attraverso l’offerta non solo di assistenza, ma di un insieme di servizi su misura alla famiglia, al suo ambiente e alla singola persona per aiutare a migliorare la qualità della vita, offrendo ricettività, orari flessibili e operatori ben preparati, referenziati, qualificati e fortemente motivati.
Il Centro si ispira ai principi della mutualità, della solidarietà, della democraticità, dell’impegno, dell’equilibrio delle responsabilità rispetto ai ruoli, dello spirito comunitario, del legame con il territorio, in un rapporto equilibrato tra Erogatore Privato ed Istituzione Pubblica.
La Mission del Centro è quella di assicurare alla persona in difficoltà il mantenimento di una condizione di vita il più possibile dignitosa, mediante la promozione e il sostegno dell’autonomia dell’individuo, evitando lo scivolamento verso situazioni di grave emarginazione sociale o lo sradicamento dal proprio contesto familiare e sociale provocato dal ricovero in istituti, con particolare attenzione alla complessità dei bisogni presenti nella persona e nella realtà circostante, con strumenti e metodologie d'intervento in grado di far fronte alle necessità in tempo reale.

PRINCIPI ISPIRATORI
Tutte le attività e le prestazioni sono organizzate e gestite in modo da garantire sempre e comunque il rispetto dei valori profondi che fanno parte della cultura e storia della nostra Cooperativa:
· Unità della persona: l’utente è primariamente una Persona caratterizzata da una storia e da un’identità personale e sociale; nell’accoglierlo, il personale s’impegna a valorizzare la totalità del suo essere; s’impegna altresì, a privilegiare un approccio di tipo insieme sistemico e dinamico, nonché riabilitativo;
· Eguaglianza: ogni Utente è titolare del medesimo diritto a ricevere un’assistenza personalizzata, mirata al soddisfacimento dei bisogni fondamentali nel rispetto della sua condizione, delle sue credenze ed abitudini, rimuovendo ogni possibile causa di discriminazione e promuovendo azioni che tengano conto delle specificità derivanti dall'età, dal sesso, dalle condizioni psico - fisiche e socio economiche, dalla cultura e dalla religione;
· Riconoscimento e valorizzazione della dignità della persona: la vita è degna di cura e attenzione in qualunque fase del suo ciclo pertanto l’utente e la soddisfazione dei suoi bisogni sono al centro del nostro Servizio;
· Partecipazione: è favorita la partecipazione degli utenti, dei loro famigliari e degli operatori alla vita del Centro per cui partecipare ad essa significa essere protagonisti nel perseguimento di migliori condizioni di vita e di salute per tutti;
· Integrazione: particolare cura sarà dedicata al perseguimento di una positiva integrazione con il Territorio, affinché l’inserimento nei programmi di assistenza diurna non costituisca una scelta emarginante e privi l’utente del diritto a essere parte viva del proprio contesto sociale;
· Fornire una risposta assistenziale migliore e più appropriata, rispetto al ricovero, ai problemi di pazienti affetti da patologie cronico-degenerative e da malattie invalidanti;
· Erogare i servizi secondo criteri di obiettività, giustizia, trasparenza e imparzialità, nel rispetto della dignità della persona assistita che non deve essere compromesso in nessun modo dalle esigenze tecniche e organizzative. Gli operatori devono instaurare una relazione con la persona assistita, tale da metterla in condizione di esprimere i propri bisogni, offrendo la massima riservatezza. Inoltre deve essere garantito il rispetto delle abitudini di vita;
· Favorire momenti di incontro per facilitare la socializzazione, ridurre l’isolamento, stimolare la partecipazione della famiglia;
· Impiegare in modo ottimale tutte le risorse umane e materiali a disposizione per assicurare servizi accettabili a tutti;
· Assicurare prestazioni qualificate, personalizzate, di tipo preventivo, terapeutico, riabilitativo ecc. a seconda dei bisogni, con personale preparato e impegnato a fornire il meglio della propria professionalità;
· Mantenere elevati gli standard qualitativi dell’assistenza attraverso programmi di formazione permanente che coinvolgono tutti gli operatori;
· Garantire una corretta informazione all’assistito e/o alla famiglia con la possibilità di esprimere il proprio giudizio con questionari di gradimento, di formulare suggerimenti e inoltrare reclami per migliorare la qualità del servizio erogato.

OBIETTIVI
Il Centro Diurno Anziani nasce con l’intenzione di osservare, studiare, analizzare, riflettere, ridefinire di volta in volta obiettivi, interventi, percorsi, seguendo la logica del miglioramento continuo, al fine di individuare approcci sempre più efficaci alla gestione dell’utenza trattata e offrire un valido supporto alla sua famiglia.
Attraverso il servizio di assistenza diurna si intendono attuare un insieme di interventi a persone sole o che vivono in nucleo familiare alle quali non possono essere garantiti, anche temporaneamente, i bisogni personali, domestici, culturali e sociali.
Con il servizio si vuole perseguire l’ottimale utilizzo di risorse personali, della rete degli amici, dei parenti, del volontariato presente sul territorio, attuando massima integrazione tra vari settori in particolare socio assistenziale e sanitario e intervenendo per rimuovere ostacoli che limitano l'autonomia delle persone dal punto di vista fisico, psichico e relazionale e sviluppare una cultura di domiciliarità giornaliera che, pur nelle differenze di ogni singola persona, interpreta i servizi del centro come uno spazio sociale vivo e che trasforma il territorio circostante in un ambiente accogliente, familiare e positivo.
La finalità principale è quella di aiutare gli anziani (assistiti ultrasessantacinquenni che per qualsiasi motivo si trovano in uno stato di non autosufficienza parziale, temporaneo o permanente, affetti da patologie cronico degenerative e/o altre affezioni), ad uscire dall'isolamento, attivare le sue risorse residue, evitare il ricovero in istituto con il mantenimento del massimo di autonomia possibile.
In questa prospettiva, il Centro ha fra i suoi obiettivi quelli di:
· favorire la permanenza della persona nel contesto sociale e familiare di appartenenza;
· offrire un’assistenza globale diurna;
· fornire una risposta assistenziale migliore e più appropriata, rispetto al ricovero in ospedale, ai problemi di salute di pazienti affetti da patologie cronico-degenerative e da malattie temporaneamente invalidanti trattabili a domicilio;
· garantire la continuità assistenziale per i dimessi dalle strutture sanitarie di ricovero con necessità di prosecuzione delle cure;
· favorire la permanenza dell’assistito nel proprio ambiente di vita familiare e nel proprio contesto sociale evitando sovvertimenti della vita di relazione, attraverso la soddisfazione di bisogni di assistenza che permettano un’esistenza dignitosa, anche se “protetta”, attraverso interventi che possano rimuovere o intervenire su situazioni di bisogno e di emarginazione/isolamento;
· ridurre a casi strettamente indispensabili e non altrimenti risolvibili l’ospedalizzazione;
· assicurare regole uguali per tutti, garantendo comunque il diritto alla differenza, rimuovendo ogni possibile causa di discriminazione e promuovendo azioni che tengano conto delle specificità derivanti dall'età, dal sesso, dalle condizioni psico - fisiche e socio economiche, dalla cultura, nel rispetto della dignità della persona assistita che non deve essere compromesso in nessun modo dalle esigenze tecniche e organizzative. Gli operatori devono instaurare una relazione con la persona assistita, tale da metterla in condizione di esprimere i propri bisogni ed offrendo la massima riservatezza. Inoltre deve essere garantito il rispetto delle abitudini di vita;
· favorire momenti di incontro per facilitare la socializzazione, ridurre l’isolamento, stimolare la partecipazione della famiglia;
· impiegare in modo ottimale tutte le risorse umane e materiali a disposizione per assicurare servizi accettabili a tutti;
· assicurare prestazioni qualificate, personalizzate, di tipo preventivo, terapeutico, riabilitativo ecc. a seconda dei bisogni, con personale preparato e impegnato a fornire il meglio della propria professionalità;
· supportare i “care - givers” e trasmettere loro eventuali competenze di tipo semplice per una autonomia nell’intervento da assicurare;
· controllare/contenere gli eventuali disturbi del comportamento mettendo a punto strategie assistenziali e di prevenzione finalizzate a rallentarne il progredire;
· supportare le famiglie nell’assistenza prevenendo situazioni estreme di stress psico-fisico;
· offrire ascolto e sostegno qualificati nell’affrontare la condizione e/o la patologia anche da un punto di vista psico-affettivo e relazionale;
· promuovere nei famigliari processi cognitivi, comportamentali ed emotivi che facilitino la gestione appropriata dell’anziano al fine di implementare le capacità dei care-givers di attivare fattori protettivi per benessere biologico, psicologico e sociale dell’individuo (gestibilità del paziente in altri contesti);
· sviluppare collegamenti strutturati con gli altri servizi della rete territoriale ed attivare sinergie per sviluppare attività di aggiornamento, formazione e sensibilizzazione alle tematiche connesse alle diverse condizioni di anziano;
· contenere i costi sanitari ed assistenziali a lungo termine evitando o posticipando il ricorso all’istituzionalizzazione;
· garantire la partecipazione dell’utente e/o referente famigliare alle prestazioni attraverso una corretta informazione allo stesso e/o alla famiglia con la possibilità di esprimere il proprio giudizio con questionari di gradimento, di formulare suggerimenti e inoltrare reclami per migliorare la qualità del servizio erogato.

I DIRITTI DEGLI UTENTI
All’interno del Centro sono osservati e tutelati i seguenti diritti:
· Diritto alla tutela della salute: l’utente è assistito e tutelato dal punto di vista clinico in maniera costante attraverso il monitoraggio dei principali parametri di benessere fisico e psichico;
· Diritto all’individualità: ogni utente ha diritto ad un inserimento dignitoso, ad una corretta valutazione e ad un’assistenza personalizzata che risponda in modo completo ai suoi bisogni, affinché la qualità della vita sia garantita e tutelata;
· Diritto alla continuità e integrazione delle varie figure professionali: l’assistenza è garantita durante tutto l’orario di accesso al Centro, mantenendo stabili le varie figure professionali che operano necessariamente in stretta integrazione e collaborazione tra loro. Il personale è formato e preparato e ha una stretta osservanza dei Codici Deontologici e dei principi etici che regolamentano le singole professioni e tutelano la salute degli utenti:
· Diritto al decoro e privacy: il Centro considera fattore prioritario il decoro dell’utente; così come prioritario è che ogni attività di assistenza e supporto siano fornite in modo tale da mantenere il rispetto della privacy e della dignità dello stesso in ogni momento;
· Diritto a un’adeguata alimentazione: è importante che ogni utente fruisca di pasti adeguati da un punto di vista quantitativo, qualitativo e dietetico e di orari flessibiliper l’assunzione del cibo;
· Diritto alla sicurezza in caso di emergenza: in caso di emergenza di qualsiasi natura o per qualsiasi causa, l’utente ha diritto di ricevere prioritariamente tutte quelle forme d’intervento per allontanarlo dalla fonte di pericolo;
· Diritto al corretto contatto con la famiglia: la famiglia dell’utente, ove possibile nel rispetto delle norme vigenti, deve essere correttamente e costantemente informata riguardo alle condizioni del famigliare, ha diritto a partecipare all’elaborazione e alla verifica del progetto d’assistenza, ha libero accesso al Centro, può, concordandolo con il Coordinatore del Centro, intervenire direttamente in alcune attività assistenziali o ludico-ricreative.

DESTINATARI
Il Centro ha un’articolazione funzionale e organizzativa in formula modulare in quanto nella struttura sono compresenti il modulo di cui alla presente Carta dei Servizi (Centro Diurno Anziani) e il modulo per disabili (Centro Socio Educativo per Disabili – con altra Carta dei Servizi distinta) nel rispetto delle prescrizioni contenute nel Regolamento Regionale 27/02/2015, n. 1.
Il Centro Diurno Anziani è una struttura che potenzialmente può ospitare c/a 20 ospiti sia maschi che femmine, ed è finalizzato all’accoglienza di:
- Anziani (ultrasessantacinquenni) autosufficienti o parzialmente autosufficienti, che non necessitano di assistenza sanitaria continua.
Obiettivo primario è fornire interventi a carattere socio assistenziale agli anziani attraversotrattamenti e programmi di assistenza finalizzati all’espletamento delle attività e delle funzioni quotidiane anche attraverso prestazioni a carattere assistenziale (igiene personale), educative, di socializzazione, ludico-ricreative, psico-motorie e sanitarie limitatamente alle terapie prescritte dai medici curanti, nonché la somministrazione di pasti (pranzo- merenda).

UBICAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI
Il Centro Polifunzionale Témenos è un’ampia struttura sita in Monteroduni (Isernia), facilmente raggiungibile in Località Spinete sulla S.S. 85 Venafrana in corrispondenza del Km 32.100, a pochi chilometri di distanza da Isernia e Venafro in Molise.
Il locale è posto al primo piano e si sviluppa su un unico livello. Le diverse sezioni interne del Centro risultano ben distinte al fine di poter distribuire anche in sottogruppi gli utenti e facilitare una funzionale programmazione delle attività socio assistenziali.
Gli spazi e gli ambienti sono organizzati ed articolati in modo tale da garantire lo svolgimento delle funzioni di:
· ingresso/accoglimento;
· amministrazione;
· pranzo e soggiorno;
· sala riposo;
· attività connesse alla cura della persona e servizi igienici;
· area scoperta protetta progettata a verde.
La diversificazione dei locali e la presenza di più spazi permettono di condurre interventi e attività diversificate, anche in contemporanea, e di gestire utenti con diverse età, esigenze e gradi di difficoltà.

ATTIVITÀ, SPAZI E LABORATORI DEDICATI
Il Centro Témenos organizza le proprie attività diversificandole in base alle esigenze dell’utenza. Tutte le attività sono aperte al territorio e organizzate attivando le risorse della comunità locale. Il lavoro educativo svolto considera la persona in modo globale e tende valorizzare le diverse dimensioni della persona anziana (psicomotoria, cognitiva, emotiva, affettiva, relazionale, sessuale, sociale) e ad operare avendo di mira il benessere complessivo.
Nello specifico pertanto le attività programmate ed organizzate sono:
· assistenziali ed educative a supporto dell’autonomia, miranti a facilitare la comunicazione dell’anziano, in funzione di una migliore organizzazione del suo spazio temporale, attraverso le fasi della pulizia personale, del consumo dei pasti, del vestirsi etc.;
· di socializzazione ed animazione con interventi sia all'interno che all'esterno del Centro, tra i quali la TEATRO – TERAPIA (percorso di cura e crescita personale che stimola l’educazione alla sensorialità ed alla percezione del proprio movimento corporeo e del suono vocale. È applicata anche in forma preventiva, educativa e curativa), l’ARTETERAPIA (percorso che ha lo scopo di riattivare la memoria creativa, di coinvolgere globalmente la persona, potenziandone le capacità espressive e relazionali, migliorando il livello di benessere. L’arteterapia offre uno spazio di espressione condiviso, un’attivazione e potenziamento delle funzionalità mentali con finalità creative e di predisposizione al benessere);
· culturali e ludico – ricreative;
· psico-motorie e di valutazione neuropsicologica per evidenziare quali siano i meccanismi danneggiati e quali siano i processi rimasti integri in conseguenza del processo di decadimento psico-fisico. Attraverso un colloquio clinico e la somministrazione di prove si mettono a punto protocolli di riabilitazione e di stimolazione cognitiva finalizzati al miglioramento e al mantenimento delle abilità cognitive e funzionali.
Le attività richiederanno anche la partecipazione attiva dei membri del nucleo familiare, al fine di promuovere un approccio partecipativo e conoscitivo ai bisogni del disabile.
All’interno del Centro sono presenti spazi e laboratori dedicati per attività manipolative, strumentali e cognitive, individualizzate, ricreative, occupazionali e motorie. I servizi che seguono, nello specifico, resi sempre all’interno della struttura Témenos, possono essere richiesti dagli ospiti del Centro Diurno e sono da intendersi come attività aggiuntive, quindi incluse nella retta giornaliera:
- LA CAMERA MULTISENSORIALE (SNOEZELEN): è concepita per persone con disabilità intellettive sulla base di ricerche che indicano reazioni ostili delle stesse quando sono inserite in un ambiente di stimolazione plurisensoriale. È uno spazio utile per attivare dinamiche di rilassamento, per placare crisi di agitazione e per affrontare in modo più completo il proprio corpo come fonte di percezione e conoscenza.
- IL TRENO VIRTUALE: è una terapia non farmacologica che consente la riduzione e la gestione dei disturbi del comportamento. Inoltre, è un efficace strumento dal punto di vista terapeutico che considera ed analizza l’idea del viaggio. Il viaggio diventa quindi un momento di fuga che restituisce serenità e benessere.
- IL GIOCO DELLA SABBIA: è un metodo che incoraggia il paziente a prestare attenzione alle proprie risorse, ai propri sentimenti e desideri. L’utilizzo della sabbia e di oggetti in miniatura messi a disposizione per comporre scenari immaginari permette di liberare le forze dell’emisfero destro del cervello, quelle intuitive e corporee, istintuali ed immaginative, allo scopo di compensare ed equilibrare quelle logiche e razionali, asettiche ed astratte, unilateralmente privilegiate dalla coscienza collettiva. Il gioco della sabbia consente di far fluire la libera spontaneità nell’uso creativo della sabbia ed è in grado di attivare quegli strati più profondi dell’inconscio, difficilmente raggiungibili con metodi più verbali.
- LA TERAPIA DELLA BAMBOLA: è una terapia non farmacologica, dedicata a persone affette da problematiche invalidanti quali demenza, disturbi psichiatrici, del comportamento e del tono dell’umore. Migliora il benessere e la qualità di vita, facilita il rilassamento e diminuisce gli stati di agitazione.

ORGANIZZAZIONE INTERNA E PERSONALE
Le esigenze di cura ed assistenza degli ospiti vengono garantite da uno staff multiprofessionale che opera stabilmente all’interno del Centro Diurno.
L’equipe professionale è composta dalle seguenti figure:
 Coordinatore della Struttura
 Assistente Sociale
 Psicologo
 Neuropsicologa Clinica
 Educatore Professionale
 O.S.S.
 Terapista occupazionale
 Animatore Socio Educativo
 Fisioterapista
 Arteterapeuta
 Musicoterapeuta
 Personale amministrativo
 Internal Auditor
Tutte le figure professionali si rapportano tra di loro per il miglioramento dei servizi del Centro e unificano gli sforzi nell'ottica del raggiungimento degli obiettivi. Questo è fondamentale perché le azioni individuali necessitano di essere sincronizzate per raggiungere il massimo dell'efficienza, così come alcune attività hanno la necessità di essere svolte secondo una certa sequenza per essere efficaci. Ovviamente si può coordinare un lavoro solamente se le persone che lo svolgono sono in grado di lavorare bene insieme, ovvero se riescono ad integrare le loro attività, a comunicare bene e a "fare squadra".

APERTURA
Il Centro assicura l’apertura per 10 ore giornaliere per cinque giorni a settimana esclusi i festivi.
Ogni anno viene previsto un calendario, concordato in una riunione in cui sono presenti i rappresentanti e le figure professionali della struttura. Tale documento definisce e fissa i giorni di apertura e chiusura (quest’ultima anche per la previsione di attività di programmazione e/o supervisione).

ORGANIZZAZIONE GIORNATA TIPO
La giornata è scandita da momenti di socializzazione e da fasi i cui sono previste attività rispondenti alla peculiarità dell’individuo. Il programma e l’articolazione delle attività giornaliere potranno essere flessibili al fine di renderlo praticabile a tutti gli ospiti del Centro.
Le giornate sono normalmente così articolate:
ORARI ARTICOLAZIONE GIORNALIERA
7.30 – 9.00 Entrata ospiti ed accoglienza
9.00 – 12.00 Avvio attività strutturali (socializzazione/animazione/occupazionale/ laboratoriali/specifiche)
12.00 – 13.30 Igiene personale e pranzo – catering*
13.30 – 15.30 Riposo pomeridiano
15.30 – 16.00 Merenda – catering*
16.00 – 17.00 Attività di gruppo/ricreative/laboratoriali
17.00 – 17.30 Fine attività – Saluti
 I servizi di cucina, sono assicurati mediante servizio di catering attraverso una convenzione con Ditta esterna in possesso dei requisiti di legge che fornirà i pasti (pranzo - merenda) preparati per il Centro.

MODALITA’ DI AMMISSIONE E DIMISSIONE
L’ammissione al Centro è libera e avviene su richiesta dell’anziano e/o del referente famigliare. Per i soli casi di anziani disabili l’ammissione alla struttura viene proposta della Unità di Valutazione Multidimensionale integrata sociosanitaria del Distretto Sanitario di appartenenza dell’ospite, la quale definisce il Piano Assistenziale Individuale e propone l’ammissione alla struttura nel rispetto della libera scelta dell’utente e dei propri familiari.
È consentito l’accesso al Centro anche in assenza della predetta valutazione per 30 giorni, così come previsto dal Regolamento Regionale, periodo entro il quale dovrà essere espletata la prevista procedura e acquisita la documentazione a responsabilità del soggetto gestore della struttura.
Al momento dell’ammissione alla frequenza del Centro, in accordo con la famiglia, viene predisposto un periodo di osservazione e valutazione, modulato in base alle caratteristiche dell’anziano.
Vengono, altresì, individuate le attività sulla base degli interessi e potenzialità emerse durante la valutazione di ingresso e viene aperta una cartella personale assistenziale, da aggiornare periodicamente per la registrazione, la valutazione dei bisogni sanitari, cognitivi, psicologici, sociali e assistenziali.
Nella cartella sono contenute tutte le informazioni di carattere anagrafico e personale. Tale cartella viene conservata nell’ufficio della direzione in apposito scaffale chiuso, il cui accesso è consentito al solo personale autorizzato.
Al momento dell’inserimento dell’utente nel Centro la famiglia deve presentare la seguente documentazione:
· Copia tessera sanitaria con relativo codice fiscale;
· Copia documento di identità in corso di validità;
· Copia verbale di invalidità e dichiarazione Legge n. 104/92 (se anziani disabili);
· Nominativo e recapito del Medico di Medicina Generale;
· Eventuali nominativi e recapiti di Medici Specialisti che seguono la persona;
· Prescrizione e posologia dei farmaci da somministrare giornalmente all’ospite (nel caso fosse prevista l’assunzione di farmaci nelle ore di frequenza al Centro è indispensabile produrre una certificazione medica con indicata l’esatta prescrizione della terapia farmacologica, della posologia e degli orari di somministrazione), nonché indicazioni del medico di base per eventuali diete speciali, intolleranze e/o allergie alimentari o farmacologiche.
· Autorizzazione dei familiari alla somministrazione dei farmaci. Nel Centro è presente un registro in cui vengono indicati i nominativi degli anziani e di una persona di riferimento con relativo indirizzo e recapito telefonico. Tale registro viene sistematicamente aggiornato, avendo cura di registrare gli eventuali periodi di assenza degli anziani del Centro.
Sono previsti periodici incontri con le famiglie attraverso colloqui proposti dalle figure professionali del Centro, con l’obiettivo di condividere e monitorare la presa in carico socioassistenziale. Tali incontri sono utili sia come momenti di scambio e sostegno, sia per rendere le famiglie soggetti attivi.
L’utente può chiedere di essere dimesso per diversi motivi. La dimissione potrà avvenire attraverso richiesta scritta dell’utente e/o di referente familiare e il Centro metterà a disposizione una relazione sanitaria ed educativa relativa al periodo trascorso all’interno della struttura.

RETTE E TARIFFE
La retta giornaliera di frequenza al Centro è pari:
- ad € 25,00 per ciascun ospite che sottoscrive l'abbonamento mensile;
- ad € 35,00 per tutti gli altri.
e ricomprende tutte le attività programmate nel Piano Personalizzato, escluse quelle effettuabili presso i Laboratori dedicati.
Le rette sono comprensive di pasti e di tutti i servizi erogati all'interno del centro. E' invece escluso il trasporto che sarà definito di volta in volta.
Servizi aggiuntivi
I servizi aggiuntivi sono tutte quelle prestazioni e iniziative non previste nella retta giornaliera alle persone con disabilità che frequentano il Centro per migliorare la qualità dell'offerta educativa e per rispondere in maniera sempre più differenziata ai bisogni degli ospiti e delle loro famiglie.
I servizi sono:
Laboratori dedicati: la camera multisensoriale (snoezelen), il treno virtuale, il gioco della sabbia, la terapia della bambola.
Servizio di segretariato sociale e consulenza per la famiglia: è previsto un servizio di consulenza alle famiglie degli ospiti del servizio su una serie di temi di particolare interesse (di carattere giuridico, sociale, ambientale ecc.).
Servizio di trasporto per accesso al centro e rientri in famiglia: è possibile beneficiare di tale servizio a condizione che l’accesso al centro e il rientro sia programmato e previsto nel piano individualizzato dell’ospite.
Altri servizi aggiuntivi verranno di volta in volta programmati ed inseriti all’interno della programmazione annuale (Es.: Progetti Vacanze).

FORMAZIONE OPERATORI
È previsto un piano di formazione e di aggiornamento continuo che preveda una risposta adeguata ai bisogni formativi di tutti gli operatori, in un’‟ottica” di attenzione ai risultati. La formazione del personale è considerata indispensabile, sia per l’armoniosa crescita professionale degli operatori rafforzandone competenze di base e tecnico professionali, sia per il raggiungimento di elevati standard di qualità del servizio.
La programmazione del piano formativo sarà pianificata pensando a dei percorsi in grado di consentire diverse acquisizioni a seconda del ruolo all’interno dell’équipe. Il Coordinatore del centro individuerà specifici bisogni all’interno del gruppo di lavoro e stilerà un piano formativo annuale capace di rispondere a richieste specifiche degli operatori, a particolari bisogni e problematiche individuate in relazione alla tipologia dell’utenza presa in carico e alle relative problematiche inerenti i trattamenti da effettuare, nella finalità di garantire un miglioramento costante delle conoscenze, delle abilità, dei comportamenti degli operatori e stimolare la motivazione al lavoro, la responsabilizzazione e l’umanizzazione .

RELAZIONI CON IL TERRITORIO E VOLONTARIATO
Il Centro intende rafforzare i rapporti con il volontariato, impegnandosi a sviluppare collaborazioni capaci di interagire in modo costruttivo con i Servizi offerti.
Affinché la collaborazione sia positiva ed efficace dev'esserci una conoscenza stretta e propositiva, al di là di ogni possibile divergenza, anche tra i volontari delle diverse realtà del territorio, capaci di unirsi per affrontare problematiche comuni, con riguardo in particolare a situazioni di disagio vissuto dalle persone anziane e dalle loro famiglie.
Ciò significa ragionare su vissuti, sentimenti di vergogna e di colpa, depressione, frustrazione e rabbia che possono accompagnare le persone anziane e i loro famigliari, concentrando l'attenzione anche sugli aspetti specifici dell'interazione con la società, dello stimolo occupazionale e sensoriale, conoscendo i vari bisogni (fisiologici, di sicurezza, sociali, di stima, cognitivi, estetici, di autorealizzazione) che emergono nei diversi momenti. Il volontario deve comprendere la difficoltà nell’esternare i bisogni e le differenze che possono esistere nelle persone anziane, per capire i quali è necessario un atteggiamento particolare
Le relazioni sul territorio sono oggi in rapida trasformazione, come testimonia la scarsa importanza assunta dai legami di prossimità, per cui oggi é “normale” instaurare relazioni che non tengono conto dello spazio e delle distanze. Le modalità della convivenza sono cambiate, le persone instaurano legami sociali a distanza, basati sulla condivisione di ideali ed esperienze piuttosto che sulla contiguità spaziale e sui contatti di quartiere e questo pone i soggetti più deboli ulteriormente ai margini della società e della vita di relazione nella comunità. Il territorio rappresenta sia il luogo di intervento per un'ipotetica azione risocializzante, sia un contenitore di risorse naturali che possono essere attivate al fine di mantenere l'utente nella propria rete di appartenenza e fare in modo che da questa venga positivamente sostenuto.
Pensare alle comunità locali come promotrici di benessere significa peraltro affrontare il concetto stesso di comunità: il territorio non esprime un'unica comunità indistinta, ma esistono le sotto comunità o delle comunità di settore che vanno dalla famiglia, all'associazione di volontariato, al condominio, alla parrocchia, all'impresa artigiana, all'azienda, al servizio del territorio, ecc. In sostanza tutte quelle realtà in cui é possibile identificare un insieme di persone legate da rapporti di interdipendenza in relazione a qualche fine comune. La comunità locale si configura quindi come insieme di comunità che interagiscono nel perseguimento degli obiettivi di ciascuna e degli obiettivi generali.
L'obiettivo da perseguire appare essere quindi quello di favorire, laddove possibile, la nascita di una “rete” fatta da persone che vivono sul territorio, capace di interagire tra loro, vedere e conoscere il proprio contesto, per dare risposte tempestive alle diverse forme di disagio, immediatamente visibili o nascoste, legate alla progressione dell’invecchiamento.
Il Centro ha stipulato accordi con le seguenti Associazioni:
- AFASEV;
- Figli per i Figli;
- AIMA;
- Associazione ParkinZone;
- DEA Molise.
Inoltre sono coinvolti nella programmazione di alcune attività le principali istituzioni quali i Comuni e i rispettivi Ambiti Sociali, la Regione Molise e l’Università degli Studi del Molise.
SODDISFAZIONE OSPITI E FAMILIARI (QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE – GESTIONE SEGNALAZIONE E RECLAMI – ACQUISIZIONE APPREZZAMENTI)
Il Centro intende garantire la tutela degli ospiti anche attraverso la possibilità data agli stessi e/o ai loro referenti familiari di formulare osservazioni, di aderire alla somministrazione di questionari di soddisfazione, di comunicare apprezzamenti sui servizi resi e di effettuare reclamo a seguito di disservizi, disfunzioni, atti o comportamenti che abbiano negato o limitato la fruibilità delle prestazioni o che abbiano comunque potuto compromettere la relazione operatore-assistito-familiari referenti.
L’obiettivo è quello di garantire un miglioramento costante del servizio, attraverso la rilevazione della soddisfazione o la risoluzione dei problemi.
Pertanto, in un rapporto di scambio con l’utente, risultano importanti i consigli, i dubbi, le osservazioni, le valutazioni e le esigenze che egli stesso o il proprio referente è invitato ad esprimere.
I questionari di soddisfazione vengono somministrati due volte all’anno agli ospiti e/o ai loro referenti familiari, previo assenso dei medesimi e le informazioni emerse dalla lettura dei questionari sono condivise durante un incontro proposto a tutti i gli ospiti e ai loro familiari degli ospiti, attraverso la presentazione della rilevazione effettuata.
Il Centro attraverso la figura del Responsabile, è la struttura che interagisce direttamente con l’assistito e/o con il referente familiare.
Svolge le funzioni, i compiti e le prestazioni inerenti la ricezione e la valutazione delle segnalazioni presentate degli utenti - clienti, fornendo loro inoltre tutte le informazioni necessarie per garantire la tutela dei diritti e dei doveri riconosciuti dalla Carta dei Servizi.
Fornisce immediata risposta al cittadino per problemi facilmente risolvibili e a predisporre l'attività istruttoria per i casi più complessi.
Provvede a correggere l’errore segnalato e all’eventuale variazione della procedura adottata, ove ravvisatane la necessità, al fine di non ripetere l’errore o l’inconveniente segnalato.

Modalità di presentazione del reclamo
Gli utenti e/o i loro familiari possono presentare osservazioni, denunce o reclami contro gli atti o i comportamenti che negano o limitano l’accesso e la fruibilità delle prestazioni che abbiano generato disservizi.
I reclami possono essere presentati mediante:
1. colloquio con gli operatori del Centro;
2. comunicazione telefonica o via fax al Responsabile del Centro
3. compilazione e sottoscrizione del modulo per osservazioni, opposizioni, denunce e reclami distribuito presso l’ufficio amministrativo;
4. lettera in carta semplice indirizzata, inviata o consegnata presso l’ufficio amministrativo.
I reclami ricevuti (anche a voce o telefonicamente), dopo verifica e intervento per la risoluzione, vengono registrati e archiviati come forma di documentazione disponibile per verifiche e controlli predisposte dalla Direzione del Centro.

PRIVACY
Il personale è tenuto al rispetto delle norme che regolano il segreto professionale, il segreto d’ufficio, nonché la tutela della privacy. In nessun caso le notizie e le informazioni di cui gli operatori vengono a conoscenza nell’ espletamento delle attività sono utilizzate per fini diversi da quelli relativi al rapporto professionale in essere con la Struttura.
Gli operatori non possono effettuare in alcun caso operazioni di diffusione dei dati trattati, né di comunicazione degli stessi a soggetti diversi da quelli verso i quali la comunicazione è prevista da esplicita disposizione normativa.
Sono adottate le misure previste dal D.Lgs 196/03, con attenzione particolare ad evitare rischi di distruzione e perdita, anche accidentale dei dati trattati, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito.
Agli ospiti e/o ai familiari referenti viene inoltre richiesto di firmare il consenso informato, previa illustrazione della normativa vigente sulla privacy (D.Lgs. 196/2003).

VISITE GUIDATE DEL CENTRO
È prevista la possibilità, per i familiari o per chiunque lo desideri, di conoscere le attività del servizio e visitare la struttura previo appuntamento. Le visite guidate del Centro possono essere effettuate nei giorni o nelle fasce orarie in cui non sono presenti gli utenti concordando telefonicamente l’incontro.